Pubblicato il 6 Giugno 2022

Prima spiaggia naturista nella riviera del Corallo

l Comune di Alghero con una Delibera di Giunta, la numero 126 del 25 maggio 2022, ha previsto l’individuazione di una spiaggia autorizzata alla pratica del turismo naturista.

Il naturismo in Sardegna è stato disciplinato dall’articolo 36 della legge regionale 28 luglio 2017, numero 16 e questo dimostra la giusta direzione, anche in assenza di una legislazione nazionale, intrapresa da una parte delle Regioni Italiane. Tali scelte hanno infatto permesso, in pochi anni, di quadruplicare le spiagge naturiste e stimolare questo tipo di turimo.

L’amministrazione comunale di Alghero, recepisce un’istanza ricevuta in tal senso e decide di individuare una spiaggia che venga autorizzata per la pratica del turismo nudista.

La domanda era stata fatta dalla federata Fenait, ANITA, che promuove in Sardegna, e su tutto il territorio nazionale la pratica del naturismo e il turismo naturista sostenibile, con l’obiettivo di contribuire alla conservazione e alla tutela ambientale dei luoghi di alto valore naturalistico e paesaggistico, per migliorare la loro vivibilità, la gestione sostenibile e l’accessibilità per tutti in stretto accordo con le amministrazioni comunali e con i coinvolgimento attivo la condivisione degli operatori economici delle comunità locali, si legge nella delibera.

La delibera approva la pratica del naturismo a norma di legge prevedendo la delimitazione di un tratto di arenile demaniale da individuare a cura del dirigente del settore demanio a Porto Conte. La stessa dovrà prevedere il libero accesso ed essere appositamente segnalata.

Ancora un plauso alla Sardegna!

Qui la delibera.

Ad Alghero la spiaggia naturista è realtà - Fenait

Articoli correlati

Fa’ la cosa giusta! Umbria. Invito ai naturisti

Fa’ la cosa giusta! Umbria. Invito ai naturisti

La Fenait sarà presente dal 29 aprile al 1° maggio 2022, a Fieramilanocity, alla diciassettesima edizione di “Fa’ la cosa giusta! “, la prima e la più grande fiera nazionale del consumo critico e stili di vita sostenibili.